Peccato Originale
Tutti contro don Guido… il prete scomodo!
Attualità, News

Tutti contro don Guido… il prete scomodo!

Quando della verità non importa a nessuno

È sempre stato così, dal profeta Geremia fino Gesù Cristo, ma si potrebbero fare tanti altri esempi anche negli ultimi duemila anni di Cristianesimo, a nessuno è mai importato davvero della verità, ma solo della propria “verità”. Ossia, del pacchetto di sicurezze che per tutti, a prescindere dal credo religioso/ideologico, ha sempre rappresentato le proprie rassicurazioni. Onestà intellettuale? La storia umana ci insegna che è sempre stata rara, rarissima. Adesso è pure più rara. Deridere ciò che non si capisce o che non ci piace? Altro comportamento ignobile di cui la nostra società è forse più colpevole delle precedenti. No, non è colpa dei Social media, che questo fenomeno tutt’al più lo amplificano solamente, ma della mentalità corrente che vuole solo una cosa: la sua idea di benessere a tutti i costi. E il benessere, piaccia o no, non sempre coincide con la verità o il bene.
Gesù: “Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi. […] Ora lo schiavo non resta per sempre nella casa, ma il figlio vi resta sempre; se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero.” (Giovanni 8, 32-36)
Per queste e per altri ragioni, un tizio che duemila anni fa si dichiarò Figlio di Dio, il Messia disposto a non prevaricare ma a mostrare al mondo che il vero volto di Dio Padre è quello di un Mite Agnello (Gv 14, 8-9

Giovanni 14:8-9

8 Filippo gli disse: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». 9 Gesù gli disse: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre; come mai tu dici: "Mostraci il Padre"?

) per il bene di tutti, ebrei e gentili
gentili

Non ebrei.
, fu sufficientemente scandaloso da costargli una morte atroce come Mel Gibson ci ha mostrato ne “The Passion of the Christ” – altro film che, non a caso, nel 2004 destò scandalo e polemiche in quanto la verità non piace a molti. La storia checchè se ne dica non la fanno gli uomini, ma Dio. Ancora oggi si contano gli anni prima e dopo Cristo, e il Cristianesimo, nonostante la secolarizzazione
secolarizzazione

Ateismo e rifiuto delle proprie origini.
dell’Occidente, rappresenta ancora qualcosa di ben lontano dall’essere spazzato via dai vari ismi
ismi

Ideologie.
che l’uomo ha creato nell’era degli utopismi: l’era moderna.

La Chiesa cattolica difende la Verità?

Vaticano, Piazza San Pietro. Nella mente odierna, almeno nell’inconscio, non rappresenta più un baluardo del bene, ma molte altre cose…

Per linea teorica, sì. Tuttavia anche la Chiesa cattolica, per quanto io sia fiero della mia appartenenza ad essa, ha spesso perseguitato o ucciso i profeti mandati da Dio come nella parabola dei vignaioli omicidi Mt 21, 33-44

Matteo 21:33-44

Parabola dei malvagi vignaiuoli
=(Mr 12:1-12; Lu 20:9-19) Is 5:1-7
33 «Udite un'altra parabola: C'era un padrone di casa, il quale piantò una vigna, le fece attorno una siepe, vi scavò una buca per pigiare l'uva e vi costruì una torre; poi l'affittò a dei vignaiuoli e se ne andò in viaggio. 34 Quando fu vicina la stagione dei frutti, mandò i suoi servi dai vignaiuoli per ricevere i frutti della vigna. 35 Ma i vignaiuoli presero i servi e ne picchiarono uno, ne uccisero un altro e un altro lo lapidarono. 36 Da capo mandò degli altri servi, in numero maggiore dei primi; ma quelli li trattarono allo stesso modo. 37 Finalmente, mandò loro suo figlio, dicendo: "Avranno rispetto per mio figlio". 38 Ma i vignaiuoli, veduto il figlio, dissero tra di loro: "Costui è l'erede; venite, uccidiamolo, e facciamo nostra la sua eredità". 39 Lo presero, lo cacciarono fuori della vigna e l'uccisero. 40 Quando verrà il padrone della vigna, che farà a quei vignaiuoli?» 41 Essi gli risposero: «Li farà perire malamente, quei malvagi, e affiderà la vigna ad altri vignaiuoli i quali gliene renderanno il frutto a suo tempo».
42 Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:
"La pietra che i costruttori hanno rifiutata
è diventata pietra angolare;
ciò è stato fatto dal Signore,
ed è cosa meravigliosa agli occhi nostri
"?
43 Perciò vi dico che il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti. 44 Chi cadrà su questa pietra sarà sfracellato; ed essa stritolerà colui sul quale cadrà».

. Sì, poi ha, delle volte, corretto il tiro, facendo sante e santi persone mandate al rogo come Giovanna d’Arco o perseguitate come Pio da Pietrelcina, e tanti altri “profeti
profeti

Mistici.
” mandati da Dio e riabilitati solo a distanza di decenni o secoli. Anche con il famigerato terzo segreto di Fatima, senza addentarmi troppo nella questione tanto a cuore ai fatimiti, abbiamo visto come obbedire a Maria, rivelandolo per tempo
tempo

Nel 1960.
e nella sua interezza
interezza

Manca la spiegazione dell'ultima visione, presente nei primi due segreti.
, sia stato pressoché impossibile per le alte gerarchie ecclesiastiche, così come ancora oggi risulta assai difficile capire se questa consacrazione della Russia sia avvenuta per davvero oppure no. Al riguardo il libro inchiesta “Il quarto segreto di Fatima” di Antonio Socci basta e avanza a farci capire come la questione sia tutto tranne che risolta come ingenuamente tanti cattolici vorrebbero credere per avere i cuori tranquilli. Sì, magari non si potrà essere d’accordo con alcune o molte delle posizioni attuali di Socci, ma una verità scomoda non cambia solo perché non ci sta più simpatico il giornalista che ha avuto il coraggio di annunciarla a sue spese.

Don Guido Bortoluzzi… il nuovo profeta scomodo?

La copertina della 5° edizione del libro

Facendo parte delle persone che hanno fondato l’Associazione don Guido Bortoluzzi e avendo letto i testi originali, ossia testi risalenti agli anni ’70 dove monsignor don Guido Bortoluzzi anticipa addirittura l’ibridazione dei cosiddetti “ominidi” che il mondo accademico scoprirà solamente molti anni dopo (2010), essendo amico da molti anni di Renza Giacobbi, una delle persone più belle, oneste e valide che ho avuto l’onore di conoscere in vita mia, quando leggo diGenesi Biblicatrattato come una bufala, un “complottismo” o un’assurdità, non posso che restare basito. Personalmente non credo a molte cose che si dichiarano nel nostro tempo, ma mai e poi mai demonizzerei qualcuno o sentenzierei su qualcosa che davvero non conosco benissimo, dal vegano all’ufologo, dal massone al comunista. Molti gridano alla bufala, ma dagli articoli che leggo, dai siti detti “anticomplottisti
anticomplottisti

Persone che considerano come “finti complotti” tutto ciò che non gli garba o non capiscano, a torto o ragione, per il gusto di demonizzare. In realtà la storia è sempre stata piena di complotti, ma non quelli ridicoli a basi di alieni e rettiliani.
” fino a quelli dei cattolici più superficiali, ne deduco assai facilmente che il libro di don Guido nemmeno hanno avuto la decenza di leggerlo tutto o, nei casi migliori, di approfondire gli studi venuti dopo e/o che confermano le visioni del prete bellunese. L’ibridazione della specie umana, come affrontato in questo sito e in altre realtà web che affrontano l’argomento seriamente da altri punti di vista, non è una teoria ma un de facto: le malattie genetiche ne sono una prova. Questo chiaramente è scomodo per tutte quelle persone che credono di avere la verità in tasca. È scomodo per gli atei militanti, per i “non credenti” e i vari seguaci delle ideologie sinistroidi, che basano il loro credo sul materialismo tenuto in piedi dal quello che si può definire il trasformismo delle specie
trasformismo delle specie

Evoluzionismo bilogioco o Neodarwinismo.
, dal momento che se davvero siamo tutti in continua evoluzione il fissismo delle specie e la strabiliante rarità degli ibridi in natura basta e avanza a smentirli. Del resto, lo disse lo stesso Darwin. È scomodo per i cattolici, tutti i cattolici, da quelli detti “creazionisti” e/o “fondamentalisti” fino ai progressisti/modernisti teo-evoluzionisti, che negano nella sua sostanza il peccato originale
peccato originale

Il peccato che solo Adamo poteva commettere e il monogenismo.
 e che nemmeno sanno perché per la Dottrina cattolica ogni uomo, senza battesimo, è solo una creatura di Dio
creatura di Dio

Un animale parlante: una persona priva dello Spirito di Dio.
che può diventare un figlio adottivo di Dio solo per mezzo di Gesù Cristo. La creazione mediata e/o filogenesi non riconferma nemmeno del tutto le sicurezze dei creazionisti che devono ammettere che Adamo non solo non spuntò da sotto un cavolo, bensì come ogni essere vivente fu creato a partire dallo zigote – come ben spiegato in “C’era una volta… Adamo?” –, ma le conseguenze del peccato originale, che hanno ferito la natura umana usando le parole del CCC
CCC

Catechismo della Chiesa cattolica
, sono semplice e pura genetica, che sempre secondo il CCC hanno inizio dal concepimento: ossia, la formazione dello zigote! Anche la questione della caduta angelica, quella di Genesi 6, 1-4

Genesi 6:1-4

Corruzione del genere umano
(Es 34:15-16; 2Co 6:14-18)(Sl 14:1-4; Ro 3:10-18)
1 Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla faccia della terra e furono loro nate delle figlie, 2 avvenne che i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e presero per mogli quelle che si scelsero fra tutte. 3 Il SIGNORE disse: «Lo Spirito mio non contenderà per sempre con l'uomo poiché, nel suo traviamento, egli non è che carne; i suoi giorni dureranno quindi centoventi anni».
4 In quel tempo c'erano sulla terra i giganti, e ci furono anche in seguito, quando i figli di Dio si unirono alle figlie degli uomini, ed ebbero da loro dei figli. Questi sono gli uomini potenti che, fin dai tempi antichi, sono stati famosi.

, manda letteralmente a gambe all’aria secoli di speculazioni della cosiddetta “angelologia
angelologia

Lo studio degli Angeli.
” in quanto non è fuori dall’immanente. In pratica, scopriamo un Dio che non creò l’uomo così come lo intendiamo noi oggi, ma generò Figli di Dio, come sinonimo di veri e propri dei, che in seguito a un peccato di superbia che solo Adamo poteva commettere, quello dell’ibridazione di cui la tradizione ebraica parla da molto prima dell’arrivo di Cristo, per esempio nel Talmud, e che don Guido per la prima volta spiega in modo comprensibile, ci ha reso tutti subumani. Beh, anche quello che noi definiamo il cosiddetto “Homo sapiens
Homo sapiens

Una razza umana frutto anche di ibridazioni tra Neanderthal, Denisova e altre tipologie umane.
” è solo un sopravvissuto di una serie di stirpi subumane che da dopo la scomparsa dei Figli di Dio si sono contese il territorio per la sopravvivenza. L’umanità descritta come un virus da fiumi di opere letterarie, che devasta il pianeta e che riduce sempre di più la varietà di forme di vita sulla terra, non è odio verso il genere umano ma l’inconscia cognizione che noi non siamo ciò che dovevamo essere in principio. Noi siamo il disordine del creato fattosi carne, che però Dio vuole redimere. La questione si complica quando si cerca di costruire una società senza Dio, cioè basata sull’antropocentrismo
antropocentrismo

L'uomo posto al centro di tutto.
, in un mondo dove di veri uomini non ce ne sono più da chissà quante ere del mondo. La Chiesa cattolica, o almeno quella dei “piani alti”, questa verità chissà da quanto tempo la conosce, ma non potendo farla coincidere con la “Grande Opera” di un cattolicesimo sempre più umanista, progressista e desideroso del compromesso con il mondo, ha fatto intorno al prete bellunese terra bruciata. Ogni tanto su qualche sito internet o giornale qualcuno si sveglia con la luna storta e, per sentito dire, denigra don Guido e la creazione mediata in modo così maldestro da lasciar ben comprendere che del libro o non ne ha letto molte parti o, peggio, non ne ha capito pressoché un tubo.

Perché Dio ha permesso tutto questo?

Leone che azzanna il cavallo, famosa statua di Ruggero Bascapè, allievo di Michelangelo, conservata nei Musei Capitolini

La vacca e l’orsa pascoleranno insieme; si sdraieranno insieme i loro piccoli. Il leone si ciberà di paglia, come il bue. ~ Isaia 11, 7
Ma don Guido Bortouzzi porta la questione ancora più in profondità… In ogni caso, con o senza il peccato di Adamo il male naturale – nient’affatto meno problematico di quello morale –, dunque la sofferenza dovuta a un ecosistema basato sul senso di prevaricazione ci sarebbe ugualmente stata. Questo porta a interrogativi importanti che meritano risposte serie e realistiche, in linea con le conoscenze scientifiche che sono un dono di Dio. Qui su Peccato Originale abbiamo iniziato già a trattare dell’argomento in articoli come “L’origine del male precede il peccato originale?“. Le implicazioni teologiche che si possono ipotizzare analizzando quello che sappiamo della natura terrestre che in ogni caso precedette la creazione di Adamo apre incredibili scenari sia sulla caduta angelica che sulla storia della creazione. Sia noi di Peccato Originale che Renza Giacobbi stiamo lavorando per approfondire ancora di più l’argomento nel momento opportuno, affidandoci naturalmente alla Provvidenza e cercando di fare la volontà di Dio. In ogni caso, volenti o dolenti, la potenza della storia della rivelazione donata a don Guido è solo la punta dell’iceberg che sarà capace di scombussolare non poco sia credenti che non credenti. Eh sì, come sempre sostengo Dio ci salva per mezzo di una storia, grande e magnifica, che riguarda sempre e soltanto Suo Figlio. Questa storia procede da Dio e renderà ancora più limpida a tutti la parola di Dio, non cristiani inclusi. 🙂
12 luglio 2018

Informazioni sull'autore

Alex Pac

Alessandro Pacifico Affascinato dalle storie di Arda, ho cercato di capire perché Tolkien sostenesse che a essere immaginario è solo il tempo in cui sono ambientati i suoi racconti. Ho così iniziato un lungo cammino, che mi ha portato ad amare il Libro della Genesi grazie a don Guido Bortoluzzi, fino all'esperienza del percorso dei 10 Comandamenti di don Fabio Rosini. La fede cristiana è soprattutto un'esperienza di bellezza, ben lontana dall'ideologia e dall'emozionalità di chi la riduce ad un sterile atto di cieca convinzione. La mia passione per la scrittura e la sceneggiatura comincia dall'amore per la narrativa, per il fumetto e tutto ciò che porta alla storia delle storie.


4 COMMENTI SU QUESTO POSTO A & # 8220;Tutti contro don Guido… il prete scomodo! & # 8221;

  1. Loretta Pasquini Loretta Pasquini ha detto:

    Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario disse George Orwell nel libro “La fattoria degli animali”, 1945.
    Don Guido con il suo libro in cui racconta come Dio gli abbia dato importanti rivelazioni circa il peccato priginale e le conseguenze che questa trasgressione ha portato all’umanità ha detto la verità più rivoluzionaria che io conosca. La Genesi che non poteva essere compresa per i numerosi tagli, asportazioni di brani, manipolazioni e aggiunte che gli stessi ebrei hanno ammesso di aver apportato alla Bibbia, era incomprensibile.

    Grazie a don Guido è diventata interamente chiara. La VERITÀ più grande dal mio punto di vista femminile è che la donna è stata completamente, assolutamente riabilitata e recuperata interamente l’onore. Poiché le conseguenze del peccato originale, che oggi si sa, è stato un atto di ibridazione, le conseguenze peggiori le ha subite il genere femminile. Ancora oggi si racconta che Dio “ha condannata” la donna con pene grandissime ..
    La versione ebraica è che Adamo accusò la donna di averlo indotto in errore e la donna ha ammesso di essere caduta in errore e di aver trasgredito all’ordine dato da Dio di non cogliere un frutto particolare”.
    «La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato». E per questo Dio Alla donna disse:
    “Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto,ma egli ti dominerà”.
    Oggi si sa che non c’è stata la minima colpa della donna e che la moltiplicazione delle gravidanze e dei dolori del parto sono la conseguenza genetica dell’errore di Adamo.
    Ma i dolori più grandi che la donna ha subito da millenni sono quelli inferti dai maschi che hanno preteso di controllare, assoggettare e schiavizzare il mondo femminile. Con la storia distorta dagli ebrei è iniziata la terribile misoginia con la quale per un niente una donna poteva essere ripudiata, condannata a frustate, abbandonata e senza risorse economiche costretta a prostituirsi, e lapidata.

    Quindi se Grazie a don Guido sappiamo che NON è VERO quello che finora ci hanno inculcato i sacerdoti è ora che la Chiesa restituisca l’onore al genere femminile.
    Secondo me è questo il punto più SCOMODO… Come fa la nostra Chiesa ad ammettere che per 2000 anni ha detto il falso? Certo ha una scusante: la Bibbia noi cristiani l’abbiamo ereditata dalla cultura ebraica, sono loro ad aver raccontato una versione falsata della Genesi.
    Le rivelazioni di Dio fanno cadere le maschere. Se oggi si sa che la Donna è innocente del peccato originale la Chiesa deve dire la VERITÀ, deve trovare il coraggio di farlo ed è Dio che glielo chiede. Chi tace si macchia di ignavia. Ignavo sul vocabolario è chi si dimostra pigro, indolente nell’operare per mancanza di volontà attiva e di forza spirituale; codardo. Nella “Divina Commedia” “l’anime triste di coloro Che visser sanza infamia e sanza lodo” senza mai esporsi al giudizio della gente. Non schierandosi da una parte e neanche dall’altra pensano di vivere tranquilli ma sono “a Dio spiacenti e a’ nemici sui” .
    Gesù/Dio in merito alla rivelazione data a don Guido dice come nel Vangelo: “Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde. Perciò io vi dico: Ogni peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini; ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata.” Ora io mi chiedo: se Dio ha fatto una rivelazione importantissima per l’umanità e voleva che fosse diffusa, chi ha il coraggio di chiuderla in un cassetto?
    Dice ancora Gesù: “O voi fate l’albero buono e buono pure il suo frutto, o fate l’albero cattivo e cattivo pure il suo frutto; perché dal frutto si conosce l’albero”.
    Dalla verità vengono frutti buoni, dalla menzogna frutti cattivi. Che sia detta una volta per tutte le Verità che le donne aspettano da migliaia di anni. Sarebbe la più grande rivoluzione da migliaia di anni a questa parte.

  2. Alex Pac Alex Pac ha detto:

    Tuttavia è importante ribadire che la Chiesa cattolica dal Concilio di Trento fino al Catechismo della Chiesa cattolica ha sempre ribadito che solo il capostipite, cioè Adamo, poteva provocare la caduta. Lui è il solo responsabile e anche nella versione “tradizionale” la donna fu solo una tentazione. Grazie a don Guido sappiamo due cose importanti: la prima donna fu un’involontaria tentazione per Adamo, che prevaricò Dio Padre nel tentativo di circondasi di altri suoi simili prima del tempo, in quanto era rimasto affascinato dalla bambina che poi sarebbe diventata la sua sposa. Sappiamo anche che la “donna” con cui Adamo partecipò al peccato dei primordi fu la Lilith (la prima moglie di Adamo) della tradizione orale ebraica (considerata valida dai primi cristiani), che era solo un animale con fattezze subumane. Infatti nella tradizione orale ebraica Adamo generò con Lilith demoni, ovvero la stirpe di Caino. Solo dopo generò in bene: “Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa.” (Gn 2, 23) Poi con Genesi 6, 1-5 sappiamo come siamo nati noi figli degli uomini e come scomparvero i Figli di Dio: la stirpe di Set. La stirpe della donna – i Figli di Dio – prevarrà perché Gesù ci renderà tutti come Lui (Theosis). Dunque Lilith diventa madre di tutti gli uomini (Eva) per colpa di Adamo. E il Salve Regina, cioè “[…] esuli figli di Eva” con don Guido è ancora più autentico.

    Mettendo da parte la questione della donna e la sua colpevolezza, che non sono di certo un dogma per la Chiesa cattolica, don Guido scandalizza a prescindere le persone che credono di aver la verità in tasca. Cioè, i farisei dei nostri tempi, buoni o cattivi che siano. L’articolo in questione ha destato su Facebook alcuni commenti che hanno annunciato la dannazione di don Guido e la nostra che gli andiamo dietro. Tali persone naturalmente si commentano da sé e riconfermano quanto detto sopra: ciò che distrugge le nostre sicurezze tendiamo a demonizzarlo senza pietà, nonostante la cosa sia sempre vile anche qualora si avesse ragione; e le persone non approfondiscono nemmeno in modo serio, ma cercano solamente un escamotage per non prendere in considerazione don Guido. Questo che lo faccia un non credente ce lo si può aspettare, ma vederlo da parte di cristiani, siano essi cattolici o autodidatti della Sacra Scrittura, è avvilente. Anzi, molti non credenti sono ben più aperti sull’argomento perché, giustamente, trovano la versione tradizionale della Genesi abbastanza ridicola, oltre che deprecabile per cose come la sua misoginia.

  3. Paolo ha detto:

    Quando la verità non importa a nessuno.
    “Che cosa è la verità?” chiese allora Pilato a Gesù. Senza risposta.
    Orbene in questo articolo di Alessandro Pacifico alias Alex Pac? si sottintende che la verità sulla natura del peccato delle origini sia quella rivelata a don Guido. In questa rivelazione ci abbiamo creduto sino al punto di farla diventare “nostra”. Ma questa verità, pur supportata da argomentazioni concrete e razionali, precise e concordanti e innegabilmente illuminanti circa l’interpretazione autentica dei primi passi della Genesi, manca dell’ufficialità, cioè della approvazione della Chiesa.
    Però i tempi della Chiesa sono lunghi, molto lunghi, vedasi ad esempio l’indagine del Vaticano sul fenomeno di Međugorje di cui ancora non si sa nulla.
    Penso che se la rivelazione ricevuta da don Guido non contrasta la Bibbia e le attuali conoscenze scientifiche, ma anzi ne spiega il significato e approfondisce gli argomenti e fa luce su quanto noi e don Guido, anche scervellandoci, non avremmo mai capito, tanto che la nostra fede aumenta e si arricchisce, allora il contenuto di questa rivelazione sulle reali cause del peccato è “veritiera”.

    • Alex Pac Alex Pac ha detto:

      Noi non vogliamo scavalcare il Magistero, ma nemmeno aspettare che passino secoli prima che la Chiesa esca dal suo torpore di modernismo e compromesso umanista, mentre gratifica teologici eretici che danno per scontato il teo-evoluzionismo o fa elucubrazioni contorte che servono a non entrare nel vero conflitto della storia: Adamo è realmente esistito oppure no? Perché esiste il male e noi tutti soffriamo se Dio è buono?

      Sul fenomeno di Medjugorje la stessa Madonna, in un vecchissimo messaggio, annunciò che la Chiesa non avrebbe fatto in tempo a riconoscere le apparizioni. Dando per scontato che sia tutto vero, i dieci segreti arriveranno come un flagello e riguarderanno in gran parte il clero (una delle poche cose su cui i veggenti si sono sbottonati). Dunque che devono fare i sei veggenti attualmente? Non ascoltare più la Madonna mentre Papa Francesco trova altri appellativi goliardici sulla Madre di Dio quale “non è una postina”? Peccato che sia la Regina degli Angeli (i messaggeri), pertanto “Regina dei postini.”

      Come scrisse Pio XII (Humani generis, 1950): “[Riguardo il mistero delle origini] il Magistero della Chiesa non proibisce che in conformità dell’attuale stato delle scienze e della teologia, sia oggetto di ricerche e di discussioni […].”

      Naturalmente a patto che non si neghino dogmi quali il monogenismo, il peccato originale, la sua propagazione, ecc… Dunque è un dovere approfondire l’argomento per aiutare tutte quelle persone che non credono nella Genesi e in Dio, perché trovano ridicole le posizioni fondamentaliste e/o quelle teo-evoluzioniste. Al di là di tutto, uno può o deve rimettersi al giudizio della Chiesa, ma la ragione – dono di Dio – porta in una sola direzione: quella esposta da don Guido, in quanto in nessun altro modo è possibile l’ibridazione dell’uomo e la propagazione delle tare del peccato originale. C’è poi l’opera dello Spirito Santo: mentre San Bernarndo di Chiaravalle e altri dotti dell’epoca negavano l’Immacolata Concezione, la devozione popolare la dava già per certa. Si arriverà con Papa Pio IX, l’8 dicembre 1854, a riconoscere la verità ufficialmente, mentre il resto dei cattolici nemmeno si poneva il problema già da cinque secoli e più! Per non parlare poi della Verità di Maria corredentrice, altra cosa assolutamente ovvia che però ancora non ha il bollino blu dei teologi. Personalmente confido in Dio Padre e nella Chiesa di Cristo, ma siamo in un periodo di morte e rinascita, o transizione, e la creazione mediata serve proprio a darci delle coordinate per uscire dall’era della secolarizzazione e della mediocrità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *