Peccato Originale
Nato da una ragazza: ossia, da una vergine!
News, Sacra Scrittura

Nato da una ragazza: ossia, da una vergine!

Uno degli errori di Biglino sulla verginità di Maria

Premettiamo che noi di Peccato Originale non siamo tra quei cattolici che demonizzano Mauro Biglino per partito preso o perché impone un punto di vista antiteista a base di alieni ed ingegneria genetica, che ovviamente non condividiamo per una serie di ragioni che si possono facilmente immaginare
immaginare

Dopo lo sciopero dei robot gli alieni si fanno per schiavi scimmie geneticamente modificate ed instabili. Ovvero, noi!
. 😆 Tuttavia, Biglino delle volte solleva interrogativi interessanti, che biblisti e teologi ignorano volutamente per il discorso fatto in quest’articolo: tutti vogliamo solo la riconferma delle proprie sicurezze o sovrastrutture mentali, inclusi i materialisti o gli atei militanti. Ma torniamo ai cattolici… Rispondere a molte domande che Biglino pone ai credenti può, a volte, essere un’occasione per approfondire la fede e per tentate di capire il mystreium iniquitatis
mystreium iniquitatis

Il mistero del male.
, nient’affatto risolto dalla nostra Dottrina. Anzi, adesso con le conoscenze che Dio ci ha donato molte domande potrebbero essere affrontate in modo più esauriente, ma questo non accadde perché la maggior parte dei cattolici ancora crede che non sia nemmeno lecito approfondire più di tanto i vari dogmi cattolici fuori dalla cosiddetta “sfera teologica”. Poi, con questa convinzione, volano eresie da Henri de Dorlodot fino a Hans Küng, che negano il monogenismo o altri verità di fede insindacabili, difese paradossalmente da genetisti e biologi cattolici e non, proprio perché sia da parte di quelli caduti in errore che dai cattolici che ancora credono grosso modo nella Dottrina cattolica per fideismo
fideismo

Credere senza avere la volontà di capire fin dove possibile, ma in modo assiomatico.
la scienza è considerata come un elemento secondario per lo studio di Dio. Ergo, un teologo teo-evoluzionista normalmente non sa nemmeno di cosa sta parlando, come spiegato in “Sofismi cattolici sull’evoluzionismo” o “Cera una volta… Adamo?“. Ma questi teologi esistono per colpa di quei cattolici che non hanno il coraggio di approfondire seriamente i misteri “protologici
protologici

I misteri sull'origine del male e dell'umanità decaduta a livello psicofisico.
” e che tutt’ora ti rispondono che “devi credere con il cuore!” o “non farti troppe domande, perché il rischio è la gnosi!” 😐

Tanto tempo fa… le ragazze erano vergini!

Sposalizio della Vergine di Raffaello, una delle più grandi opere d’arte rinascimentali

Nel video YouTube di Biglino intitolato “Mauro Biglino 24-03-2018” costui parla delle parole almah e betullah al punto 39.25 del video. Secondo il nostro punto di vista questo video finisce con un’enorme cavolata biglinesca… sostituire “ragazza” con “vergine” o viceversa non cambia nulla nel contesto in cui vengono dette… nella cultura ebraica per forza alla parola ragazza corrisponde verginese una ragazza non fosse stata vergine sarebbe una ragazza morta, morta lapidata… è inconcepibile che una ragazza sia incinta senza essere sposata (come era lo stato di Maria non ancora sposata con Giuseppe, ma solo sua promessa sposa). Secondo il “Protovangelo di Giacomo“, Maria è stata sottoposta al giudizio degli uomini del tempio che le hanno fatto bere una pozione e poi le hanno detto di camminare facendo dei giri intorno al tempio… avrebbe dovuto abortire e quindi rendere evidente la sua colpa… e invece quando è comparsa davanti ai sacerdoti il suo volto era raggiante come la luce del sole… per questo i sacerdoti invece di condannarla alla lapidazione l’hanno rilasciata e lei se ne è tornata tranquilla alla sua casa con Giuseppe. Quelli del Tempio hanno capito che la profezia si era avverata e si sono molto adombrati perché si aspettavano che il Messia nascesse nell’ambito delle loro famiglie altolocate, la casta dei sacerdoti. E invece Gesù è nato in una famiglia di un carpentiere. Hanno tenuto sotto osservazione quel bambino che al bar mitzva (Lc 2, 46-47

Luca 2:46-47

46 Tre giorni dopo lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri: li ascoltava e faceva loro delle domande; 47 e tutti quelli che l'udivano, si stupivano del suo senno e delle sue risposte.

) si è rivelato avere una sapienza superiore a quella dei dotti scribi e farisei pur non essendo stato a scuola da loro.
Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. ~ Luca 2, 46-47

La vergine partorirà un figlio

Torniamo al nocciolo della questione:
ALMAH = GIOVANE; RAGAZZA BETULAH = VERGINE.
E chi discute che siano scritte diversamente? Biglino ha ragione a dire che sul testo è scritto ragazza almah, ma tra gli ebrei di quel tempo se dicevi ragazza intendevi anche giovane ragazza non sposata e quindi anche vergine. Dunque non esiste che dicendo ragazza non si intenda anche vergine, almeno per gli ebrei di quel tempo. E non esiste che una ragazza sopravviva alla perdita della verginità visto che il padre la deve obbligatoriamente denunciare al tempio come vergogna della sua famiglia da “ripulire”… Ergo, la non vergine è una che verrà condannata alla lapidazione. Maria era fidanzata e in quanto promessa sposa doveva essere vergine. Ragazza/almah è implicito che sia anche vergine anche se non viene detto insieme il termine betulah. È logico… in quanto è come da noi nel XIX secolo, quando si diceva signorina era implicito che si intendeva, per i costumi molto rigidi dell’epoca, che era anche verginenon c’era bisogno di specificarlo!

Conclusione

Così scrive Ravasi (L’Osservatore Romano – 25 dicembre 2008- titolo: “Maria incinta di Gesù”) a proposito del fidanzamento degli ebrei all’epoca di Maria e Giuseppe:
Card. Gianfranco Ravasi: “‘Nell’Antico Testamento la parola ebraica ‘almah, con l’articolo, significa “la vergine”. La sua etimologia non è certa ed è la forma femminile di ‘elem: “un giovane, un adolescente”. L’uso della parola Almah fa riferimento ad una donna che è giovane e vergine (Gen 24,43; Es 2,8; Cant 1,3; 6,8; Sal 67,26; Prov 30,19). In Gen 24 troviamo la storia di Rebecca. Lei viene chiamata betulah nel v.16, dove si afferma espressamente che ‘non aveva conosciuto uomo’. Una seconda volta, (v.43) e raccontando lo stesso fatto, ma viene chiamata ‘almah senza fare dei chiarimenti. In tutte e due occasioni prima di diventare la moglie di Isacco. Entrambi i termini esprimono la verginità, l’unica differenza è nell’età della vergine. Almah significa una ragazza che, a causa della sua età, la verginità è presupposta. In Es 2,8, la sorella di Mosè viene pure chiamata ‘almah. In Cant 1,3; 6,8 le ragazze sono chiamate ‘alamot (plurale di ‘almah) per distinguerle dalle donne coniugate. In Sal 67,26 le ragazze (alamot) suonano il tamburello (cfr. anche Ger 31,4; Gdc 11,3-4). In Prv 30,19 l’autore elenca le cose meravigliose e misteriose. In tutti questi casi si suppone la verginità. In conclusione, ‘almah indica una giovane donna che è vergine. In greco antico si traduce ’almah con la parola greca parthénos (παρθένος), e questa parola significa “vergine” in senso assoluto. Le versioni greche di Aquila, Simmaco e Theodosion utilizzano neanis (νεᾶνις), parola greca, una giovane donna che, pur non esprimendo direttamente il concetto di “vergine”, non esclude necessariamente il significato. Il siriaco, nella versione ‘Peshita’, traduce come betulto, che corrisponde al betulah ebraico, che pure significa vergine, ma senza riferimento all’età.”
Ma come fa Biglino a non sapere queste cose??? 😕 Il sospetto è che Biglino essendo colto queste cose le conosca benissimo, ma nel suo livore contro la cristianità è fortemente in malafede. Oltre al discorso della verginità di Maria, da noi già affrontato in quest’articolo, Biglino nega anche il dogma dell’Immacolata Concezione, altro argomento che qui su Peccato Originale abbiamo spiegato di continuo nel modo più semplice possibile. Lo capirebbe anche un bambino! Eppure Biglino afferma di conoscere don Guido Bortoluzzi… citandolo addirittura! Allora… su questi argomenti, la domanda sorge spontanea: ci fa o ci è? 😕
15 luglio 2018

Informazioni sull'autore

Loretta Pasquini

Loretta Pasquini Sono una cristiana con la passione per i libri: saggi, biografie, autobiografie ma soprattutto per il lato misterioso magico affascinante e artistico della vita. Mi piacciono i detti, i proverbi le massime e gli aforismi.... specie quelli di Gesù... Se cito autori e libri non è per fare sfoggio culturale, ma per dare merito a chi li ha scritti e per invogliare tanti alla lettura.


2 COMMENTI SU QUESTO POSTO A & # 8220;Nato da una ragazza: ossia, da una vergine! & # 8221;

  1. Loretta Pasquini Loretta Pasquini ha detto:

    Molte volte Biglino parla delle divergenze di opinioni che lo hanno portato alla interruzione del rapporto di collaboratore in qualità di traduttore delle “Edizioni San Paolo”… Tradurre ha la stessa radice di tradire, mi hanno detto… ed in effetti un buon traduttore non deve essere legato alla traduzione letterale delle parole ma, nel testo che deve tradurre, deve dare il senso quanto più vicino a quello che l’autore voleva dire. Molti paesi hanno un loro modo di dire che a noi sembra bizzarro e altrettanto bizzarri, immagino, possono sembrare a loro i nostri motti. Ad esempio gli inglesi in caso di forte pioggia esclamano “piovono cani e gatti” mentre noi diciamo “piove a catinelle”. Se un traduttore di un romanzo inglese restasse legato alla traduzione letterale mi immagino noi a leggere nella sua traduzione… e improvvisamente “piovevano cani e gatti” ci stupiremmo e non capiremmo… la casa editrice direbbe al traduttore “guarda che in italiano devi tradurre con “pioveva a catinelle”… e il traduttore, caparbio, a insistere” ma no, se lì c’è scritto che piovevano cani e gatti come posso tradurre con pioggia a catinelle? Le catinelle sono un’altra cosa rispetto ai cani e gatti del testo originale che va rispettato, io non invento, io non interpreto: traduco!” Questi sono i ragionamenti capziosi di Biglino… Ovvio che una casa editrice stracci il contratto di collaborazione. (capzioso = inteso a trarre in inganno o a creare un falso convincimento; tendenzioso, insidioso, fallace). Sempre in tema “meteorologico” se i francesi dicono “parler de la pluie et du beau temps” noi diciamo parlare del più e del meno, che letteralmente in francese è intraducibile…

  2. Alex Pac Alex Pac ha detto:

    Naturalmente Biglino non inventa nemmeno niente di nuovo, in quanto la sua interpretazione fantascientifica della Bibbia è roba vecchia come il cucco e risale ai tempi di autori come Zecharia Sitchin, che a loro volta presero da altri, limitandosi a fare una cosa molto banale: tutto ciò che non mi spiego è sicuramente una tecnologia aliena, in quanto non c’è nulla oltre i miei schemi da “Homo sapiens”, cioè da animale parlante. La verità è che sopranaturale, naturale, immanente e trascendente sono capziosità per un popolo di Figli di Dio, ossia dei, che come lascia intravedere don Guido non solo abitò la terra ma la plasmò. Son dunque mediocri sia le letture della Bibbia fondamentaliste o tradizionali che quelle fantascientifiche. Dietro c’è molto, molto di più. Ma noi subumani proprio non ci possiamo arrivare per ragioni ontologiche. Noi capiamo solo concetti che oltre il benessere, le sicurezze, la rivalsa e il vittimismo non vanno.

    In ogni caso, il successo di Biglino è dovuto all’odio per la fede cristiana da parte di molti, che vedono nella Bibbia solo tanti tabù che non vogliono rispettare, ma solo distruggere. Per carità, colpa in parte è anche dei cristiani che hanno davvero ridotto la fede a qualcosa di assiomatico, ma l’onestà intellettuale prevede anche di accettare ciò che non ci piace nemmeno un po’, o almeno di provarci. Io resto della vecchia scuola:

    «Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”. » (Divina Commedia, Inferno – Canto ventiseiesimo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *